mercoledì 30 maggio 2012

Annuntio vobis gaudium magnum: habemus ... una sala da pranzo!







  
  






Nella cultura mediterranea (ed italiana in modo particolare) ogni giorno (si spera) si ripete da tempi immemori l’evento che rappresenta l’esempio più chiaro e ricco di significati di come la dimensione del rituale possa costituire una parte fondante della quotidianità: il pranzo o la cena seduti a tavola. Lungi dall’essere mero momento culinario e di riposo, il pasto seduti a tavola è un evento atteso e preparato (si spera con cura), cui è dedicato tempo e impegno da parte di tutti coloro che vi partecipano, di ogni età. 

Ecco che anche l'arredamento della sala da pranzo quindi rispecchia spesso la famiglia, la cultura e lo stile di chi abita la casa.

Costituisce uno dei più profondi e radicati momenti di comunicazione, di trasmissione del sapere e dei saperi, di condivisione dedicato alla scelta delle materie prime e alla loro trasformazione, riscoprendo il significato profondo del concetto di “cucinare”: creare, partendo da singole materie prime differenti fra loro, qualcosa che sia più della somma dei suoi semplici componenti. Il tempo e l’agire umano rappresentano, quindi, i due elementi essenziali di questa trasformazione, che da millenni costituisce uno degli elementi di maggior caratterizzazione del genere umano e delle sue differenti culture e tradizioni.

Il tempo rappresenta, inoltre, l’elemento centrale di due fenomeni sociali che nel concetto di Mediterraneità risultano strettamente connessi: il consumo del cibo (attorno a una tavola) e la condivisione del cibo (attorno a una tavola). Al centro del concetto di Mediterraneità vi è una visione pienamente “sociale” del cibo, quale elemento essenziale di dinamiche individuali e collettive che hanno nel tempo una dimensione imprescindibile. Il fatto di dedicare un adeguato e significativo tempo al cibo e ai rituali che ruotano attorno ad esso rappresenta un tratto distintivo della way of life mediterranea, andando oltre il semplice concetto di “mangiare” e divenendo tratto sociologico distintivo di carattere generale.








sabato 26 maggio 2012

La Cucina di Marzia Sofia






Ho rubato le immagini di questa splendida cucina che ha realizzato Marzia Sofia, autrice del blog shabbyechic.blogspot.it. Splendidi i colori che sono stati scelti: beige avorio e azzurro polvere quasi per tutto, dalle piastrelle alle basi e al piano di lavoro.


Tutto il lavoro mi sembra superlativo: un equilibrio di tonalità e materiali che fa veramente venire voglia di cambiare tutto... nel più puro stile gustaviano.

Dotata di squisita manualità e creatività Marzia Sofia è veramente talentuosa.

E' evidente dalle immagini e da tutti i lavori che realizza, lavori in cui traspare sentimento e passione per ciò che fa. Suggerisco a tutti di visitarlo: un viaggio nella sua casa, nel suo lavoro, nel suo mondo, nelle sue passioni...

È in Svezia, alla corte di Gustavo III, che nel 1771 è nato lo stile gustaviano. Le origini di questo stile nordico sono, però, francesi. Fu il lusso di Versailles, che il sovrano francofilo frequentava assiduamente prima dell' incoronazione, a ispirare Gustavo.

Gustavo prese in prestito dallo stile Luigi XV il suo aspetto rococò: scanalature, volute, ghirlande e altri sontuosi ornamenti che decoravano i mobili, le modanature, le colonne e le supellettili. Ma il colpo di genio di Gustavo fu la semplificazione di questo stile pomposo. Dando dignità a materiali meno costosi e a colori più naturali e alleggerendo le finiture, il re svedese rese questo stile popolare e adattabile a ogni tipo d'interno. Ad oltre 200 anni di distanza, questo stile caratterizzato da charme ed eleganza è ancora in voga.

Questo è il suo blog:  shabbyechic.blogspot.it 




venerdì 25 maggio 2012

Vacanza a Formentera





In questa casa di vacanza la soluzione di arredare il giardino utilizzando delle pedane in legno rende facile e pulita la pavimentazione, pratica e rilassante; i divani sono risolti creando delle sedute in muratura rivestite di pietra, incorporando persino alcuni elementi strutturali di sostegno del portico. Infine materassi rivestiti e cuscini a profusione fanno il resto... deliziosa soluzione!


foto sopra: JORDI CANOSA Casa in Spagna / Formentera


Per realizzare delle PEDANE in legno in giardino si può procedere come segue:
- spianare la zona dove andrebbero queste tavole
- mettere il tessuto non tessuno (per non far crescere l'erba)
- fare uno strato di sabbia (o sassolini, cosa ci si mette di solito?)
- mettere i listelli uno parallelo agli altri, ad una certa distanza
- mettere le tavole sopra e inchiodarle ai listelli

- rifinire con doghe frontali, angolari, ect.


giovedì 24 maggio 2012

Arredamento Ikea: inguaribile romanticismo








Ikea partecipa per il quarto anno a Casa Decor , uno degli eventi più importanti nel campo della decorazione in Spagna a Madrid che quest'anno celebra anche la sua 20 ° edizione. L'azienda svedese ha uno spazio dove c'è la femminilità e romanticismo, in un'atmosfera nostalgica e floreale, vagamente ispirato alle fiabe. Il set mostra una casa piena di fantasia, dove i tessuti Ikea sono protagonisti del decor e dello stile.


Il fulcro di questo set è costituito da una piccola casa di vetro , molto luminosa e multifunzionale progettata per sentirsi a proprio agio e per favorire lo sviluppo di diverse attività come cucinare, mangiare, leggere, cucire, riposare, ecc. La cucina è integrata naturalmente in questa stanza, massimizzando lo spazio.

La terrazza è il luogo dove ognuno si gode il tè all'aperto con i suoi amici sotto il pergolato e occupandosi di gardening. Un luogo pieno di pace e tranquillità per rifugiarsi e fuggire da confusione e trambusto della città.

Lo stile, eminentemente femminile, è intriso di romanticismo e leggerezza, di nostalgia, con motivi floreali e toni sereni ed eleganti , come il rosa pallido, il bianco, verde chiaro.

Come accennato in precedenza, i tessuti sono sicuramente la chiave per lo stile e la personalità di questo spazio. Tessuti stampe floreali, tessuti delicati e colori pastello circondano lo spazio riempiendolo di colore, calore, armonia e romanticismo.

In breve ci si rivela un magico set Ikea dove vivere con poesia in un piccolo luogo arredato con immaginazione e sensibilità.

mercoledì 23 maggio 2012

Stencil Cottage

"Non è quanto si possiede ma quanto si assapora a fare la felicità"
(Charles Spurgeon)

“Creare è dare una forma al proprio destino”
(Albert Camus)

"La mente che si apre ad una nuova idea non torna mai alla dimensione precedente."
(Albert Einstein)



domenica 20 maggio 2012

ANDALUSIA: MON AMOUR

Questo è una fattoria a Malaga, Andalusia, Spagna

Fachada-y-jardin_large.jpg (425×330)
Comedor_large.jpg (365×430)
aa.jpg (365×430)
Entrada_large.jpg (365×430)
Salon-hacia-exterior_large.jpg (365×430)
Salon_large.jpg (425×330)
Dormitorio-principal_large.jpg (425×330)
Bano-2_large.jpg (365×430)
Bano-1_large.jpg (365×430)
Vestidor_large.jpg (365×430)
Cocina_large.jpg (365×430)

Musulmana, cristiana, gitana, l’Andalusia ha molte anime. Per molto tempo ha esercitato un’attrazione irresistibile verso i suoi vicini, a partire dagli arabi che le diedero il nome di Al-Andalus, Terra della Luce, e che vi rimasero per otto secoli fino al 1492. L’impronta della dominazione araba in Andalusia è indelebile ed è una chiave di lettura essenziale per conoscerla.

Ma questa fattoria esprime invece al meglio la sua appartenenza "europea" sia per l'arredamento, sia per i materiali scelti. Colori prevalenti: Crema, Bianco, Grigio, e Cotto per i pavimenti.
Da notare che non c'è un solo elemento che stona o stride in questo interno assolutamente perfetto, sereno, distensivo, piacevole e arioso.

Foto via tickingandtoile.blog da El Meuble


sabato 19 maggio 2012

Marocco: un ambiente bianco naturale romantico





In questo interno marocchino la prevalenza degli elementi architettonici, come il candore dei muri, i pavimenti in pietra, i soffitti con le travi a vista, è così appagante, da rendere superflua la presenza degli arredi, che sono quindi limitati all'essenziale. 

Una nota romantica è data però da due bellissimi candelabri sul tavolino davanti al divano, e dai tanti cuscini che spezzano il monocromatismo della seduta. Un arredo quindi quasi minimalista, ma chicchissimo!

Fotografie: Brie Williams





Charme Retro in Bagno

pareti ocra sfumate per questo bagno provenzale
 il mobile portalavabi in ferro anticato provenzale
doghe di legno per il bagno must in stile country
parete in pietra per il bagno stile shabby chic
  paravento e grigio tono su tono per il piccolo bagno francese
di ampie vedute questa sala da bagno
 legno e vetrata stile cottage per questo bagno
 cemento e linee pulite per questo bagno essenziale
 stile vittoriano per questo bagno in legno molto classico
 una boiserie per mascherare gli impianti in questo bagno d'antan
 il bagno delle antiche dimore di campagna
 retro ma minimalista questo bagno
 pietra e legno anche per il box doccia
 leggero e essenziale il bagno attuale
 in questo bagno una zona relax per massaggi e letture
 una vasca tinozza protagonista del bagno in legno
 simmetrico e importante l'angolo più privato del bagno
 moderno ma con il caminetto
 effetto taglio a diamante per questi sanitari
  divertente e colorato il bagno open space
 cemento stile loft per il bagno padronale
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...