domenica 24 marzo 2019

Il decluttering è veramente terapeutico






Si discuteva l'altra sera su quanto si accumula, si trattiene, si ripone, senza poi utilizzare quasi più. E allora l'idea (più che idea, la battuta), che è venuta, è quella di mettere a dieta il proprio appartamento! Sì proprio così, a dieta, e stretta pure, altrimenti non si sopravvive!

Quella impressionante mole di cianfrusaglie che ci circondano quotidianamente e delle quali crediamo di non poter mai fare a meno, in realtà ci tolgono, aria, spazio, luce, e soprattutto ci riducono alcune prospettive, anche mentali, mentre un minimo di decluttering ci garantirebbe una più gradevole percezione degli spazi.

Scoprire ciò di cui abbiamo veramente bisogno, e iniziare a selezionare, modificare, aggiornare stile e spazi di casa è già di per sé terapeutico.

E' un bene per il nostro spazio e il nostro portafoglio. Valorizzare solo alcune cose, alcuni oggetti. In questo modo non si accumula e non si "affoga". A volte il decluttering è veramente terapeutico!

“Decluttering” fa riferimento ad una tendenza nata in Giappone dopo la pubblicazione del libro di Marie Kondo. Un best seller che ha conquistato il mondo invitando ad eliminare il superfluo per vivere meglio. 

Più o meno il suo metodo di decluttering vi dice di buttare tutto quello che non vi da più gioia, ringraziare gli oggetti e dire loro addio. Quello che non vi dice è quanto sia difficile liberarsi di alcuni oggetti...

Decluttering è proprio l’arte di eliminare il superfluo e di fare ordine e spazio, è l’arte del riordino e della riorganizzazione, con una attenta logica contraria all’accumulo e allo spreco, è la volontà di disfarsi di tutto quello che non serve (nella vita e nella casa, negli affetti e negli oggetti).
























Lezioni di Felicità: Imparare da Marie Kondo, Maestra del Decluttering

Nel suo nuovo libro, l’autrice del best seller “Il magico potere del riordino” spiega come organizzare gli spazi domestici (e mentali)

Pubblicato nel 2014, è diventato presto un caso editoriale: Il magico potere del riordino (in Italia pubblicato da Vallardi) di Marie Kondo ha dato una svolta al concetto di decluttering (eliminazione del superfluo) e di riorganizzazione degli spazi. 

La scrittrice giapponese sostiene che snellire la massa delle cose che usiamo tutti i giorni non è sufficiente, e raccomanda quindi caldamente una cosa: «Tenete soltanto ciò che vi dà gioia». 

La semplice filosofia dell’autrice è andata a toccare una corda sensibile tant’è che "Il magico potere del riordino" è stato tradotto in 35 lingue e ha venduto oltre tre milioni di copie in tutto il mondo.


♥ Home Sweet home ♥



1. Eliminare il superfluo
Guardati intorno e conta quante cose superflue ti circondano, quante cose hai conservato negli anni senza una reale utilità.
Separale da tutto il resto e decidi poi se buttarle o donarle, ma eliminale. Avrai più consapevolezza di quello di cui hai davvero bisogno ed eviterai di accumulare cose inutili in futuro liberando spazio per te e per le cose davvero importanti.

2. Organizzare gli spazi
Organizza le cose in modo che siano funzionali e comode. Spesso risulta difficile mantenere la casa in ordine semplicemente perché il tempo è poco, è faticoso farlo e la pigrizia prende sempre il sopravvento. È necessario quindi ridurre al minimo lo sforzo richiesto. Qualcuno utilizza scatole, divisori e raccoglitori per rendere più semplice e veloce riordinare, qualcuno utilizza invece un solo grande contenitore. Realismo vuole che un po’ di disordine è inevitabile, limitalo solo in alcune zone. 

3. Non accumulare
Realizzati i due punti precedenti avrai speso tempo ed energia per sistemare tutto, non rovinare ciò che hai fatto. 
L’ordine con fatica conquistato deve essere difeso. Ogni volta che introduci in casa qualcosa di nuovo, riponilo seguendo l’organizzazione che hai adottato in modo funzionale, non sistemarlo a caso come avresti fatto prima. Quando non ti servirà più eliminalo. Le cose inutili, se non gestite correttamente, andranno ad accumularsi giorno dopo giorno facendoti tornare al punto di partenza. Liberati subito delle cose superflue che presto o tardi ti troverai a dover buttare. Fai diventare il riordino un’abitudine quotidiana.

Se seguirai tutti e tre i passaggi potrai finalmente sentirti libero dal disordine e goderti il tuo spazio. Te lo sei guadagnato, sfruttalo per ciò che ami.





domenica 17 marzo 2019

Scenografie verdi per una casa da sogno con le Piante












  





Scenografie verdi eteree ma lussureggianti per questa casa da sogno che rimanda ad atmosfere vittoriane e bohémien! Non è solo la mania del pollice verde legata alle stagioni. Le piante in casa decorano e apportano anche diversi benefici dal punto di vista sia fisico che emotivo.


Qui ci sono ispirazioni organiche che non hanno come punto di partenza solo il pollice verde: ripensando numero, dimensioni e varietà delle piante d’appartamento qui la designer d'interni Sera Hersham-Loftus, ha raggiunto veramente l'eccellenza integrando colori e stili!


L'abbondanza dei tessuti vintage, i pavimenti in tavole di legno, la stratificazione, le texture, le piante, i vasi, i contenitori, i colori dei vari ambienti, sono stati così magistralmente scelti da rendere questa casa un sogno pressoché magico di vita!


Indoor Garden Ideas to Freshen Your Home Interior!







sabato 9 marzo 2019

warm industrial rustic chic mix



  


  








warm industrial rustic chic mix, 
brick walls, 
omnipresent wood, 
vintage style, 
esprit cabane


Questa casa chiamata The Sanctuary , è un rifugio nell'Hampshire, in Inghilterra. Si scopre vicino ai boschi. L'arredamento è un mix di stile industriale e rustico molto familiare, countrychic, caldo, dove le pareti in mattoni a vista e il legno onnipresente si combinano con altri materiali naturali per rendere questo luogo unico.


Un particolare celeste azzurro verde salvia colora le pareti di tutta la casa e le basi della cucina. E' un colore intenso, ma fresco e versatile, che riporta all'interno della abitazione i colori che si trovano all'esterno del cielo, dell'aria, del prato. E' forse proprio l'elemento che conferisce ai mobili vintage e agli arredi rétro una nuova attualità, togliendo loro quella possibile banalità e creando situazioni diverse che coniugano bene il rimodernare e l'accostare uno o più elementi d’arredo insieme.
  




domenica 17 febbraio 2019

Living ispirato alla psiche femminile mitica e creativa

  






Questo soggiorno mi sembra rassicurante... evoca una pace e una serenità che solo in certi momenti della giornata riesco a trovare. E penso che rientrare in casa e trovare un soggiorno così sarebbe molto piacevole!

Sembra avere una forza archetipica che lo rende soprattutto un luogo ideale per lo spirito, la mente, l’anima, ove potersi rigenerare.

Le scelte cromatiche fanno proprio pensare alla psiche femminile. E sono proprio le scelte cromatiche a rendere questo soggiorno di una bellezza unica, autentica, non appariscente, sobria, intima e profonda. Ma mi fanno proprio pensare alla psiche femminile.

Oggi la psiche della donna sembra dibattersi tra due opposti psichici: da una parte, il radicamento in immagini e valori eterni, dall’altro, la forte disposizione al mutamento. (Faye Pye 1972)

La rapidità nel progresso degli ultimi decenni, la globalizzazione, la comparsa delle tecnologie avanzate sembrano costituire una particolare circostanza culturale, all’interno della quale, la donna è stimolata da un’intima energia a trovare un’integrazione e un adattamento, e in cui i poli di questi due opposti tendono ad una realizzazione non soltanto a livello psichico, ma anche nella vita. 

L’archetipo femminile nel suo aspetto di Madre, è orientato verso l’immutabile, e sembra opporsi ad una possibile trasformazione. Nella psiche della donna, questa forte tensione sembra aver raggiunto oggi un suo massimo dramma, per così dire, in un tempo in cui i valori specifici dell’essere donna, espressi nel tradizionale modello di vita femminile, sono già da molto in crisi. 

Visto che l’essere dentro una società ipertecnologica, in cui il culto e i significati del mutamento sono considerati il più alto valore e la più alta conquista del genere umano, comporta prevalentemente un orientamento collettivo verso una struttura femminile relativamente autosufficiente e indipendente, (Artemide, Pallade Atena, le Valchirie, le Amazzoni), indubbiamente non possiamo sottovalutare il rischio insito in questo spostamento di energie psichiche in termini di unilateralità o comunque di
inflazione sul piano psichico (tanto da rischiare un’animosità gratuita o una mascolinità eccessiva).

Architetti: ZROBYM






sabato 9 febbraio 2019

PANTONE® 18-4220 Provincial Blue per questo Miniappartamento











  




PANTONE® 18-4220 Provincial Blue per questo Miniappartamento Maschile

Poi perché mi sembra maschile? Forse per il colore, forse per gli arredi, forse per l'essenzialità?

Può essere difficile trovare dei modi per decorare un piccolo appartamento con un budget ancora più ridotto, ma può essere fatto. Le idee per la decorazione di appartamenti con un budget limitato richiedono creatività e ingegnosità, e qui non sono mancate né l'una né l'altra. La scelta del colore è stata decisamente vincente e audace, se si tiene conto che un colore così medio-scuro-saturo certo non avrebbe garantito di allargare visivamente la casa! Però il risultato è piacevole ed equilibrato, quindi... chapeau!

ToTaste Studio


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...