lunedì 21 agosto 2017

Come arredare casa in stile HIPSTER
















    








Dopo la moda, lo stile hipster conquista anche l'arredo! Un'arte di vivere che ci siamo divertiti a immaginare per loro!

Una tendenza che fa riflettere e che mette a confronto generazioni, tradizioni, caratteri (e anche religioni) differenti, tutte accomunate dalla lunghezza della propria barba.

I caratteri sostanziali di questo stile sono il vintage, i tatuaggi, l’ecologismo, e un lifestyle preciso dove non sono più gli aristocratici a dettare, promuovere e inventare gusti e mode, ma una corporazione che viene dalla gente comune, non è un caso che tutto questa sia partito proprio in un vagone della metropolitana di New York, la città che, a partire dal quartiere di Williamsburg, un vecchio distretto industriale, descritto come 'mecca' per i hipsters, ha permesso la diffusione mondiale dell’estetica etica hipster!

Creature che si insediano in ristoranti pop, caffetterie vegane, gallerie d'arte all'avanguardia e caffè gourmet, accomunate da una barba di cui sono affascinati e che curano in maniera maniacale, e da cosa altro? Preferenze per un aspetto ben curato secondo un concetto più ampio di cultura hipster, che prevede molti altri marchi di distinzione, dalle camicie a quadri agli occhiali da vista, dal risvolto ai pantaloni alle bretelle, cappello, barba e baffi.

Non entro nel merito, tutto da verificare quanto ad attendibilità, che li vede esprimere una 'controcultura' assimilabile a dei censori illuminati, del resto il vocabolo Hypster è un cugino stretto dell'acronimo ampiamente usato nei College Confidential, HYPS (un acronimo per chiunque entra nella Santa Trinità delle università Ivy League, status symbol dagli anni '50 in poi, e sente di appartenere ad una élite con un senso di superiorità culturale e intellettuale, non sempre reali...).

Detto questo, la cura della barba per un hipster non è solo una necessità, ma fa parte di un codice di comportamento che esalta la cura di sé, anche in senso estetico. Tanto che molti negozi propongono set da barba vintage come regalo per amici, parenti e colleghi: più che una necessità evidentemente un piacere!


venerdì 18 agosto 2017

Pietra e Legno # Semplicità e Austerità

















Nel Medioevo, erano presenti solamente due classi sociali, completamente differenti tra loro: quella dei nobili e quella dei contadini. Questi ultimi erano soliti vivere nelle campagne fino a ridosso dei boschi, all'interno di capanne di legno e paglia, mentre la nobiltà viveva in castelli, fortezze, ville costruite con legno, ma dalle pareti fortificate da pietra e calce. Arredare una casa adottando lo stile medievale, significa dunque non pensare solamente ai mobili, ma a tutto ciò che riporta a quel tipo di ambientazione. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, illustrerò come arredare una casa in stile medievale,

Innanzitutto, la prima operazione da compiere per creare una tipica ambientazione medievale, è quella di dare al muro tinteggiato di bianco, il caratteristico aspetto dell'epoca, con parti in pietra a vista alternate ad altre realizzate in calce: si potrà ottenere eventualmente tale effetto, applicando alle normali pareti, pietre naturali o in materiali che le riproducano fedelmente.

Mensole in legno con rifiniture in ferro battuto, saranno poi elementi ideali per disporvi qualche candeliere in ottone e qualche lampada in ferro e vetro.
Per poter 'rivivere' nell'allestimento delle proprie case tale epoca, inseriremo nelle stanze, qualche mobile in legno di linea 'essenziale', magari accostandolo sapientemente ad altri mobili maggiormente funzionali.

Sarebbe sicuramente un'ottima idea quella di applicare i caratteristici scuri alle finestre: consistono in semplici ante in legno poste all'interno della finestra, che si aprono o si chiudono a piacere; un tempo sostituivano le normali tende: un lusso che i poveri di allora non potevano certo permettersi.

Locanda Rosa Rosae vecchio mulino nei pressi di Treviso foto Paulina Arcklin

Ricordiamo che, nel MEDIOEVO, Il mobilio è scarso e pesante: nel soggiorno spesso anche ingresso e cucina, si trovano oltre al focolare un tavolo dove si preparano le vivande e si mangia; la madia in cui si conservano vari tipi di pentole e utensili; alcune panche. 

Nelle camere da letto c'è di solito una cassapanca per i vestiti, la biancheria e le pergamene di casa (i preziosi e il denaro erano custoditi in uno stipo ben ferrato e chiuso); c'è un letto di grandi dimensioni con un pagliericcio e cuscini di piume, in cui dormivano più persone, manca totalmente uno spazio differenziato (anche negli alberghi gli ospiti dormivano tutti in grandi stanze e i servi ai piedi del letto dei loro padroni).

I bagni sono loggette sporgenti con un sedile che si apre su un canale, su un fossato che viene tenuto ben fornito di cenere o su un vicolo (a differenza della città romana infatti la città medievale è priva di una rete fognaria)!

Quindi semplicità e austerità sono la migliore ispirazione per riprodurre ambienti in stile medioevale.










Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...