sabato 22 giugno 2019

{Farmhouse Style} {Indigo Summer Decor}

  














  






Il colore * blu indaco * indigo blue * è una soluzione per arredare con stile una stanza senza spendere eccessivamente o cambiare tutti gli elementi d'arredo.

E' molto versatile e, associato a righe o fresche fantasie stampate, cambia completamente una stanza, perché:

1 richiama una ariosa semplicità e libertà, marcatamente tipiche dell'estate
2 è rigoroso e al tempo stesso allegro, energetico, sportivo
3 gioca e crea movimento quasi sempre inaspettato anche per gli arredi più basici
4 ricordano i Preppie anni '60 o la Costa Azzurra anni '60
5 richiama lo stile nautico e quindi si associa all'estate e alle vacanze
6 tutto può essere a questo colore e tutto viene valorizzato da questo colore
7 può creare forti contrasti cromatici
8 da un tocco di fresca eleganza
9 è protagonista di molti stili: nautico, marina, atlantico, farmhouse, country, mediterraneo, ect.

E infine il blu indaco è un colore incredibile per tanti motivi. Ipnotizzante, sorprendente, molto amato, il colore stesso è un mix inebriante tra viola e blu, è stato protagonista in molte culture nel corso della storia e continua ad ispirare la creatività oggi. 





venerdì 7 giugno 2019

Miniappartamento delizioso 28 m²

sottotitolo: il sogno possibile






























Oggi un miniappartamento con una superficie minima di 30 m² riesce a soddisfare le esigenze di un nucleo familiare ristretto (1 persona, massimo 2, se molto pazienti l'una con l'altra!), ma farlo diventare addirittura confortevole per accogliere una coppia o estremamente comodo per un single non è scontato. 

Bene: questo appartamento soddisfa una coppia con bambino con uno spazio inferiore a 30 metriquadrati!

Questa superficie inferiore a 28 m², per precisione 27,87 m², ha una articolazione degli spazi che stupisce per la semplicità e la ovvietà dello studio distributivo: ne esce una comoda pianificazione dei locali soprattutto perché il tutto si doveva racchiudere praticamente in un monolocale!



Il segreto: una buona connessione tra gli ambienti interni della casa ed una corretta relazione degli stessi con le zone esterne, sfruttate per dare aria e luce in ogni momento della giornata. Naturale pensare di collocare la cucina e il soggiorno in diretta relazione con un ingresso più immaginato che reale, e quindi verso l’esterno della casa.


E così ecco che le zone giorno notte benché prossime, adiacenti, pressoché l'una nell'altra, considerando l’esiguità della superficie a disposizione, attraverso la riduzione di pareti e la limitazione di separazioni fisse, hanno consentito di guadagnare anche quei pochi centimetri utili per una percezione di maggiore ampiezza dello spazio.



Difficile realizzare una camere da letto molto ampia. La capacità di ricavare spazio incastrando gli ambienti con una sorta di assottigliamento delle pareti contenitori ha reso entrambi gli spazi giorno notte a disposizione più funzionali.

Qui si è cercato di compenetrare gli spazi e di incastrarli in maniera da salvaguardarne, al suo interno, le funzioni necessarie. 

Qualche rinuncia: gli armadi sono sostituiti da tende perché la profondità è molto più ridotta e questo consente all'ambiente di poter “respirare” e guadagnare quei metri quadri altrimenti impegnati in un contenitore. Inoltre non è da sottovalutare che la tenda rispetto all'armadio è più flessibile e all'occorrenza permette lo stoccaggio aumentando o diminuendo in profondità. Ultimo grande pregio: consente altresì di ricavare utili volumi da spazi apparentemente inutilizzabili.



E guardate come, anche all'esterno, si è creata una magica atmosfera! Normalmente, quando si dispone di un piccolo spazio esterno, si finisce per trasformarlo in estensione-deposito-magazzino dell'interno, rendendolo solo funzionale a tale scopo; qui la scelta, al contrario, è stata quella di enfatizzare con lucine e fantasia, tappeti e piante, ciò che si ha.


La progettazione di un piccolo spazio è certamente una sfida, rappresenta un'opportunità unica per riconoscere personalità e gusto. Sembra che il motto in questa casa sia: "Non devi vivere in grande per vivere magnificamente".


www.tinycanalcottage.com




prima e dopo (before and after) dello spazio esterno

la piantina dell'appartamento




#cottage style #tiny home #small home # miniappartamenti #monolocali #deco #interiordesign #ristrutturare #easy tips #decotips #designer #decor #interiors #décor



Comunque lasciatevi ispirare da tutti i miniappartamenti che ho pubblicato!


giovedì 6 giugno 2019

Piccolo Attico Ristrutturato a Roma











   



One of the best ideas about a little Attic space in Rome, little Attic rooms and little Attic bedroom

Un piccolo, anzi piccolissimo attico ristrutturato a Roma esclusivamente con l'uso del bianco ci sottolinea che vivere in un piccolo appartamento, anche se non è esattamente l'ideale, per fortuna, con i pezzi giusti e un buon occhio selettivo nella scelta dell'arredamento, può dare un risultato eccellente. Questo piccolo appartamento è un buon esempio di shabby chic equilibrato, rilassante, ma non lezioso, pieno di risorse!

Il candore delicato del bianco e le sfumature più intense di colori naturali come il terracotta, il beige, l'avorio, il tortora, ect. con i loro riflessi enfatizzano un ambiente molto intimo, conferendo un look sì shabby chic (il bianco è il vessillo dello stile shabby chic), ma anche etnochic, cioè un organico dal design etnico con elementi naturali e quasi primitivi per la loro essenzialità.

Non trascurabile la luminosità del bianco quasi assoluto nella scelta dei tessili, dalle sedute alle tende, dal copriletto alla patina dei pochi mobili, e infine della cucina. Solo alcuni accessori, molto ben scelti e selezionati, come i lampadari in carta lino juta stropicciata, i pavimenti in terracotta, tratti di parete rivestiti in pietra ricostruita, spezzano la monocromia e aiutano a evidenziare i dettagli.

Ecco i trucchi più frequenti per massimizzare gli spazi piccoli

1. La luce: in questa casa è davvero tutto, una casa piccola sembra comunque più ampia se ci sono ampie finestre. Consentire alle finestre di far entrare più luce possibile, usando tende chiare e leggere.

2. La Funzionalità: scegliere mobili semplici e lineari, perché all'occorrenza si possono avvicinare e accostare; non mangiate mai in cucina? Non avrete bisogno di un tavolo, non lo userete, quindi eliminatelo; quando lo spazio è poco inserite solo i mobili che veramente utilizzate.

3. Il Bianco: è la scelta migliore per i piccoli spazi, altri colori possono essere un alleato, scegliete solo però colori chiarissimi e usateli con parsimonia. Non fate una stanza completamente tortora, ma una sola parete darà alla stanza profondità e vivacità. Volete far risaltare una stanza? Scegliete un colore leggermente più scuro per l’anticamera: la stanza su cui vi affaccerete sembrerà più luminosa e ampia!

4. I Mobili: scegliere mobili chiari; è importantissimo perché i colori scuri "catturano" lo spazio occupandolo visivamente molto più di un mobile chiaro; quest'ultimo infatti, a parità di dimensioni e volume, sarà sempre meno ingombrante dell'analoga versione scura! Utilizzate lo spazio sotto al letto per stoccare cose magari leggere, ma voluminose (es. coperte fuori stagione).

5. Gli Spazi: trattate uno spazio piccolo come uno grande, arredatelo con cura ed estro, ma non riempitelo troppo, altrimenti non potrete neanche più rigirarvi. Circondatevi dell'essenziale. Liberatevi senza rimpianti di ciò che non utilizzate.