domenica 13 maggio 2012

Arie Settecentesche negli arredi e nel décor


















Ma a chi non piacerebbe vivere in ambienti così decorati? Ovvero in ambienti che ormai sono più freschi grazie a tappezzerie in stile settecentesco sì ma in versione light! Settecento sì ma in versione easy!

Ma nel Settecento come erano gli ambienti di casa? L'ambiente domestico variò più nell'arredamento che non nell'aspetto. Bisogna considerare, che gli immensi palazzi italiani erano difficili da riempire, e che spesso, l'impressione che davano agli stranieri era quella di stanze sovraccariche di oggetti più vari, non sempre in armonia tra loro.Le testimonianze dell'epoca parlano di un tale sfarzo, da affaticare gli occhi. Le pareti erano ricoperte da una quantità di quadri, tale da non concedere a nessun'opera il valore che meritava. Pittori olandesi, fiamminghi e veneziani erano confusi gli uni accanto agli altri.

Se le pareti abbondavano di quadri, erano quasi completamente sprovvedute di ripari dal freddo. Mancavano quasi ovunque tappezzeria, pochi i tappeti, e inesistenti le persiane e il riscaldamento. Nelle regioni italiane più settentrionali si trovava qualche camino, ma non molti (poiché era largamente ritenuto che il fuoco fosse malsano!?). I più freddolosi utilizzavano degli scaldini per le mani, ossia vasi di terracotta ripieni di braci.

Le case dei borghesi e dei mercanti erano invece piuttosto povere nell'arredamento. Le stoviglie di terracotta grossolana, erano modellate rozzamente. I mobili erano scuri e pesanti, le sedie scomodissime, le poltrone inesistenti e, nell'insieme, l'occhio veniva colpito dalla severità e dalla freddezza del tutto. Una nota di allegria era data, nelle regioni più calde, dalla presenza di terrazze abbellite da fiori ed alberi da frutta.

Nei piccoli paesi, i borghesi, godendo di maggiori privilegi, vivevano in case più ampie. L'arredo era comunque scarno, ed i letti, privi di tendaggi o baldacchini, non erano altro che degli assi con sopra un sottile materasso. Nelle camere da letto, completavano l'arredamento poche sedie, per lo più di giunco, e qualche tavolino.
Le pareti ed i soffitti delle case erano, per lo più, di intonaco bianco, ed i muri erano abbelliti da piccoli specchi, inseriti in larghe cornici di legno dipinto, sovraccariche di elementi decorativi. Questi specchi erano certamente decorativi, poiché di solito erano appesi troppo in alto per potercisi specchiare.

I visitatori stranieri restavano colpiti dalla scomodità delle sedie di legno, presenti sia nella case borghesi che nei palazzi. Sedie con lo schienale drittissimo, su cui la notte riposavano i valletti, in assenza di letti per loro. Oh che pena!







2 commenti:

  1. Bellissime immagini come sempre complimenti per il tuo blog, elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh ma i manicaretti che fate Voi sono imbattibili!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...