venerdì 26 settembre 2014

Come disporre quadri e cornici sulla parete



Buongiorno
Bonjour, Good morning, Guten Morgen
Buenos días,Bom dia, Καλημέρα. Laba diena. Hei god dag, Sabah al khir,

e' arrivato il momento di affrontare l'argomento che riguarda la disposizione di quadri e cornici alle pareti. Stanze bellissime, ma incomplete se anche le pareti non parlano di noi. E in realtà le pareti esprimono a volte più di altro la nostra personalità.

Gli Interior Design professionisti amano dire che "non ci sono regole" quando si tratta di prendere decisioni di progettazione per la vostra casa. Forse è vero se siete dei professionisti e le decisioni che prendete derivano da anni di conoscenze, esperienze, competenze, ect., su ciò che funziona e ciò che davvero è da evitare proprio.


Ma quando siete in giro a fare shopping da soli, spendendo soldi (magari guadagnati duramente) per cercare di rendere la vostra casa bella e confortevole, non è utile avere alcune linee guida?

Perciò la pianificazione, se fatta da soli, può essere un pò intimidatoria. Mi piacciono queste tabelle che danno alcune indicazioni secondo me riuscitissime su come disporre i quadri o le cornici sulle pareti. 

Noterete senza dubbio la mia netta preferenza per la simmetricità di quasi tutte le combinazioni, scelta secondo me pressoché obbligata se i quadri non sono dello stesso stile o genere.

Poi direi che è da valutare almeno una disposizione che abbia una forma geometrica: quadrata (negli esempi sotto potete vedere) o rettangolare (sempre sotto potete vedere alcuni valide combinazioni).

La simmetricità ci conduce al concetto di porre quadro o cornice sempre al centro rispetto al mobile che si trova sotto: sopra una consolle o sopra un divano, mettetelo proprio al centro del mobile in modo che non sembri otticamente fuori luogo. La stessa regola vale per un quadro posizionato fra due finestre: non metterlo al centro è un errore.


Molto riuscite sono le disposizioni realizzate in modo da creare un’immaginaria linea dall’alto verso il basso e da sinistra a destra.

E' ovvio che se generi e cornici sono molto diversi comunque l'effetto ottico non è certo.


I quadri vanno illuminati dall’alto e non lateralmente per non far comparire riflessi molto fastidiosi e mettere in evidenza eventuali difetti.
La luce diretta del sole potrebbe causare una scoloritura dell’immagine. 

Effetti particolari e ricercati si ottengono quando le stampe oppure le cornici hanno degli elementi in comune: nelle foto vedete che si è creata una uniformità esteticamente molto piacevole o attraverso l'uso di cornici della stessa tipologia e colore, oppure attraverso il colore delle stampe.

Divertitevi!




















  

  






Se volete vedere tutti i post sul fai da te = DIY cliccate qui








Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...