mercoledì 5 gennaio 2011

alla Ricerca del Tempo Perduto

Appartamento di Silvia Petrocca a Buenos Aires
Le stanze delle meraviglie... Un antiquario e la sua casa: specchio della sua storia - il padre è napoletano, la madre argentina - con le sue antichità italiane, cotto, statue di marmo, pizzi veneziani e carta da parati dipinta a mano. La sua casa, nello storico quartiere di San Telmo, ha preso forma lentamente (oltre venti anni, in effetti). Quando Silvia vide questa casa per la prima volta si innamorò a prima vista, nonostante il fatto che era quasi distrutta. Ma il fatto che era stata trascurata per così tanto tempo è stato quello che ha salvato il restauro; le rovine nei pressi del palazzo nascondevano la sua architettura originale, progettata per un italiano di una importante famiglia nel XIX secolo. Silvia ha scoperto alti soffitti decorati con stemmi, grappoli d'uva e grano - tutti simboli di ricchezza. E poi ha imparato a conoscere la sua storia travagliata - era stata usata come albergo per i mendicanti dopo il suo abbandono da parte dei proprietari, quando imperversava la febbre gialla nel distretto, una parte della storia di San Telmo. Poi Silvia e suo marito sono andati avanti e hanno acquistato l'appartamento al secondo piano e lo spazio negozio al piano terra. Hanno fatto tutti i lavori di restauro da soli, lei, il marito, e il loro amico, l'artista Gustavo Godoy, che ha insegnato a Silvia come ricreare la patina originale delle pareti. Ora la casa ruota attorno a un soggiorno semi circolare di grandi dimensioni che dà accesso a tutte le stanze, che si affaccia sulla piazza antistante. La sua casa è ora un omaggio alla bellezza del trascorrere del tempo. Via lorilangille.blogspot.com e sMarie Claire Italia .

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...