domenica 30 novembre 2014

La regalità del viola











Il colore viola è stato associato alla regalità, al potere e alla ricchezza per secoli.

Il colore originale viola da cui il nome viola deriva, è il colore di un colorante a base di un mollusco che nell'antichità classica si poteva acquistare solo nella città commerciale fenicia di Tiro, che ora è l'attuale Libano; carissimo da produrre perché occorrevano 9.000 molluschi per creare un solo grammo di porpora di Tiro, è diventato un simbolo dei reali, perché solo i più ricchi potevano permetterselo.

Pensate che l'Imperatore romano del III secolo Aureliano  non avrebbe permesso alla moglie di comprare uno scialle di Tiro di seta viola, perché letteralmente costava il suo peso in oro.

Nell' Europa medievale i coloranti blu ancora erano rari e costosi, quindi solo i più ricchi o i nobili potevano permettersi di indossare abiti realizzati con tessuti di queste tonalità (contadini e più tardi operai  indossavano principalmente verde e marrone). Una certa gradazione o somiglianza con il blu reale indossato dall'aristocrazia ha poi decretato il successo del viola, molto indossato dai re nell' Europa medievale.

Nel 1856, a 18 anni, un chimico inglese, William Henry Perkin, accidentalmente creò un composto sintetico viola nel tentativo di sintetizzare il chinino, un farmaco anti-malaria . Notò che il composto poteva essere utilizzato per tingere i tessuti, così brevettò il colorante che fu poi prodotto sotto il nome di anilina viola e porpora di Tiro.

Una curiosità: la regina Elisabetta I proibiva a chiunque tranne alcuni stretti membri della famiglia reale di indossarlo.

E io non posso fare a meno di celebrarlo perché è il mio colore preferito!






Libreria con Cornice su Ruote









Librerie con Cornice su Ruote

facilmente spostabili, facilmente allineabili, facilmente inseribili anche in spazi particolari, come una mansarda, un sottotetto, ect.

Da una vecchia rivista ho scannerizzato questa idea che mi è sempre piaciuta moltissimo. L'idea è appunto quella di realizzare sì una libreria (ma si può comunque anche acquistare già pronta), ma di personalizzarla con una cornice e renderla poi spostabile grazie a delle ruote.

Il materiale per realizzarla può essere pino, abete o altro (io eviterei il truciolare per la grande quantità di collanti che contiene e per la pesantezza).

Nella scelta delle ruote bisogna tenere presente il peso, in genere notevole, dei libri.

Dalle immagini si comprende la realizzazione. La cornice è stata dipinta in bianco e quessto crea un piacevole contrasto con fondo e ripiani.

Se volete vedere tutti i post sul fai da te = DIY cliccate qui







venerdì 28 novembre 2014

Natale # Scozia












Come sempre le mie idee di home décor sono caratterizzate da una matrice eclettica di oggetti d'epoca e di modernariato # antiquariato riscaldati da tessuti che riescono a evocare momenti di festa, come i tessuti scozzesi. 

Decorazioni e addobbi, vetrine e dolci, mobili arredi e accessori, hanno come tema i famosi tartan scozzesi.

1° Da sempre il tartan rosso è un classico simbolo delle festività natalizie; quest’anno i motivi scozzesi non sono fra i trend della moda per abiti e accessori e, come si sa, il fashion system tende a influenzare molteplici campi di attività, orientandone le tendenze. Ma non importa.

2° Il rosso è il colore del Natale e la fantasia di declinarlo in motivi scozzesi risponde alle ultime tendenze se non della moda, sicuramente della casa, perché i colori e il calore degli scozzesi sono imbattibili. Con un accattivante riferimento alle tradizioni delle Highland.

3° Aristocratico o anticonvenzionale? La registrazione dei clan tartan cominciò all’inizio del XIX secolo; ci sono categorie di tartan registrati per distretti, istituzioni o per commemorare particolari eventi. In epoca vittoriana, questo tessuto era simbolo delle classi privilegiate in quanto era associato all’aristocrazia e all’ambiente militare anglosassone. Forse anche per questo motivo, alla fine degli anni Settanta viene recuperato dalla moda punk che lo utilizza interpretandolo come protesta sociale. Da allora, indossato in modo non convenzionale, è segno di opposizione al sistema da parte delle sottoculture urbane.

Per tutti questi motivi, l’idea di ispirarsi alla Scozia per questo Natale è una valida alternativa agli stili più consueti. E magari adottare come sottofondo la musica celtica? Le loro cornamuse non richiamano le nostre più umili zampogne? E cosa c'è di più natalizio?










Natale senza stress


Francamente almeno una volta nella vita, travolti dal caos che precede le feste, oppressi da una montagna di cose da fare e da ricordare, ci siamo detti che non ne potevamo già più del Natale ancora prima che cominciasse! Perché quest'anno non tentiamo di prevenire questa situazione cominciando ad organizzarci in tempo e con metodo? Così non svanisce anche quel piacere che sempre dovrebbe essere associato al Natale e alle Feste.


Il lusso e il piacere quindi saranno organizzare un Natale da fiaba, una ricerca semplice per ricreare atmosfere suggestive e fiabesche come nei ricordi d'infanzia. L’immaginario collettivo troverà, spero, in queste idee e in questi ambienti, arredati e decorati per le feste, in questi luoghi ricchi di incanto e magia, tutta l’essenza di un viaggio (dall'infanzia all'età adulta) fatto durante il periodo dell’Avvento e del Natale.


Per realizzare un Natale più creativo, magari ricco di calore, addobbi, emozione e atmosfera, lasciamoci ispirare da alcune idee, che poi sono bellissime non solo a Natale o durante le Feste, ma, così eclettiche e luminose, potrebbero accompagnarci tutto l'inverno!


Per preparare un Natale caldo, invitante, forte, protagonista e emozionante, occorre prepararsi con alcune settimane di anticipo, almeno quattro, altrimenti si rischia stress, confusione, ansia e scarsi risultati.



un Natale al profumo di arancia
http://boiseriec.blogspot.it/2013/01/natale-capodanno-epifania-al-profumo-di.html


un semplice brindisi
http://boiseriec.blogspot.it/2013/12/brindisi-prosit.html

come scenografare un pò la casa per Natale


come realizzare regali con la pittura lavagna
http://boiseriec.blogspot.it/2011/11/pittura-lavagna-11-nuove-idee.html


come apparecchiare la tavola
http://boiseriec.blogspot.it/2013/11/a-tavola-per-le-feste-di-natale-25-idee.html


come preparare centrotavole con le candele
http://boiseriec.blogspot.it/2012/11/candle-ideas-to-light-up-your-holiday.html


come preparare delle facili calze della befana
http://boiseriec.blogspot.it/2014/01/la-calza-della-befana.html


come preparare dei piccoli alberi di Natale
http://boiseriec.blogspot.it/2011/12/alberi-di-natale-idee-fai-da-te-diy.html


come imparare ad impacchettare i regali
http://boiseriec.blogspot.it/2010/12/fai-da-te-i-pacchetti-regalo.html

tutte le corone di Natale più straordinarie che possiate realizzare
  
come creare ambienti di atmosfera con le candele

come fare i calendari dell'Avvento

altre idee per creare pacchetti regalo fuori dal comune

una serie di idee per scaldare la casa


una corona con la corteccia d'albero
http://boiseriec.blogspot.it/2011/11/corteccia-di-albero-per-decorare.html


come realizzare un regalo all'ultimo momento per i bambini
http://boiseriec.blogspot.it/2014/01/paper-doll-di-eccezione.html





Tappeti: Trucchi e Segreti






















I tappeti sono un importante complemento d’arredo in grado di aiutare a migliorare sensibilmente la percezione dell'ambiente. Tuttavia forma, colore, dimensioni, proporzioni possono spaventarci nel momento di sceglierli.

  1. Un tappeto è un punto focale nella camera, non il divano, non il tavolo, non i mobili.
  2. Un piccolo tappeto di fronte a un grande divano fa sembrare una stanza più piccola.
  3. Mettere il tappeto in parte sotto il divano: non solo eviterà che il tappeto si sposti ma è anche consigliato dai migliori esperti di design in quanto crea un ambiente meno statico e più ampio. In questo caso partite prendendo la misura da circa 20, 30 centimetri sotto il divano fino ad arrivare al punto che volete arrivare a coprire.
  4. Un piccolo tappeto in una grande sala rende la camera visivamente più piccola. Però potete mettere il tappeto completamente fuori dal divano con l'ovvio vantaggio che darete risalto alla totalità del motivo o disegno del tappeto senza nascondere nessuna sua parte.
  5. Un grande tappeto, grande abbastanza per mettere tutti i mobili su di esso, lega visivamente i mobili
    nello spazio. 
  6. Utilizzare tappeti per creare o definire zone diverse in una stanza. Questi tappeti devono armonizzare tra loro, se non corrispondono c'è il rischio di un flop.
  7. Lasciare un bordo consistente se i pavimenti sono belli, in legno o altro materiale. Questo crea un grande contrasto ma contribuisce a definire la camera.
  8. Ridurre il confine se si devono nascondere pavimenti danneggiati o brutte piastrelle. 
  9. Sotto il tavolo un tappeto sarebbe meglio che coprisse tutto lo spazio del tavolo, sedie comprese. Il tappeto deve evitare di occupare zone d'intralcio per tavolo e sedie, quindi prendete bene le misure.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...