giovedì 30 gennaio 2014

Muri in Pietra: look medioevale











  




  




La pietra ha per me un fascino quasi ipnotico; ogni volta che vedo degli antichi muri in pietra, rimango folgorata; nelle antiche costruzioni (muri spessi con matronei), la messa in opera dei materiali edili richiedeva ovviamente una enorme quantità di pietra di formidabili dimensioni.

In base alla composizione geomorfologica del suolo e alle differenti tipologie delle rocce da estrarre, gli operai praticavano le estrazioni "a cielo aperto" oppure in sotterraneo e questa composizione determinava poi anche il risultato estetico.

Per le costruzioni architettoniche di una certa importanza (castelli, cattedrali, abbazie e monasteri), erano necessarie pietre di migliore qualità. Le pietre dovevano rispondere a requisiti tecnici ed estetici che tenessero conto dell'impiego precipuo che se ne doveva fare nella costruzione.

I muri in pietra parlano di un mondo sospeso e fuori dal tempo. Io adoro gli interni in pietra: hanno un aspetto forte, possente e favoloso. Le pareti in pietra rievocano interni austeri con tutto il loro potere: una forza e una solidità che in questa epoca di precarietà e di incertezza ci sarebbe di grande aiuto.





sabato 25 gennaio 2014

Boiserie in rovere spazzolato

Il rovere è un legno con un morbido colore ocra chiaro dorato, con una fibra piuttosto regolare. Un legno particolare che ha un grande pregio: la tendenza a non ossidarsi, a uniformarsi nel tempo, e ha ottime caratteristiche di durezza e stabilità.

Per questa ragione si possono realizzare splendide boiserie con questa essenza. E questa ne è un esempio.

Boiserie in rovere spazzolato: la spazzolatura rende questa essenza materica, naturale e luminosa. Straordinaria la lavorazione di questi soffitti a cassettoni che conferiscono una eleganza, un pregio e una scenografica eccellenza all'intera struttura architettonica.










Boiserie in rovere spazzolato (arredamento completo di una villa in Kazakistan); la spazzolatura rende questa essenza materica, naturale e luminosa. Straordinaria la lavorazione di questi soffitti a cassettoni che conferiscono pregio ed eccellenza all'intera struttura architettonica.

Realizzazioni: Area4arredamenti

domenica 19 gennaio 2014

Steampunk: erede del look industrial vintage

Do you know the "steampunk"?

Ultimo grido tra gli stili di arredo e lifestyle è lo "steampunk": degno erede del più puro e manufatturiero look industrial vintage.

Uno stile che enfatizza il vecchio e nuovo caro neomodernariato, gli arredi di seconda mano e i mobili riutilizzati. Anche se è possibile acquistare mobili nuovi ideati e progettati per lo steampunk, non c'è bisogno di farlo finché siete creativi. Vi privereste della metà del divertimento!

Controllate cantine, locali, officine, soffitta della nonna o un vecchio datato garage e troverete se non i mobili, sicuramente gli accessori da inserire.

Le proposte che ho scelto sono naturalmente "depurate" di quella verve dark e oscura che talvolta circonda lo steampunk, ma ugualmente coerenti.






































14 consigli per riprodurre lo steampunk:

1° vecchie insegne, vecchi segnali, cartelli, segnaletica vintage e magari leggermente corrosa o arruginita;


2° poltrone e divani in un caldo vecchio cuoio: l'ideale è un 
chesterfield;

3° un vecchio baule per dare il tocco vittoriano perfetto. Pensate ad un baule al posto del tavolino da salotto (foto sopra), oppure in camera da letto come se fosse una pedana; ideali per riporre un pò di tutto, in realtà i bauli hanno una capienza formidabile;

4° largo al binomio metallo-legno, per librerie, sedie, e magari anche accessori che richiamano vecchi laboratori o mobili delle arti e mestieri. Cercare legno scuro perché conferisce un sapore più vittoriano;

5° non ci sono proprio regole fisse e veloci per lo steampunk, qualche cosa però deve essere di metallo, con ingranaggi a vista;

6° cercare di ottenere l'effetto di un mondo in cui la tecnologia era quella di un secolo fa. Evitare come la peste il design moderno con linee e superfici dure o colori brillanti;

7° vecchie mappe da appendere alle pareti, vecchi mappamondi, vecchi globi sono molto appropriati e evocativi;

8° riempite i vostri scaffali con vecchi libri rilegati, strumenti nautici antichi o usati per la vela, strumenti per la previsione meteo.

9° ingranaggi e pezzi meccanici sono molto steampunk, ed è possibile creare il look recuperando qualche cosa da un cantiere in demolizione;

10° un ventilatore da tavolo retrò o di modernariato vi terrà freschi in estate, oltre ad aggiungere u
n look steampunk;

11° i dirigibili sono un tema imprescindibile per i sognatori dello steampunk. Cercate il modello o un poster di un dirigibile vittoriano e appendetelo alla parete o al soffitto;

12° una scrivania rolltop, cioè a serranda: in un angolo della camera da letto è il luogo perfetto per archiviare le bollette, utilizzare il portatile, o semplicemente sedersi a leggere il romanzo steampunk preferito (sotto c'è una lista indicativa...);

13° attenzione alla texture e ai tessuti: raso lucido, velluti di lusso e pizzo intricato (oh no il pizzo no, lo odio), tutti hanno un fascino vittoriano;

14° tocchi di metallo, in particolare ottone, rame, nichel spazzolato, peltro o stagno sono anche un ottimo modo per riprodurre l'atmosfera steampunk.




Letteratura Steampunk

Ecco alcuni dei pilastri letterari dello steampunk, si tratta di libri che hanno ispirato questo stile, sicuramente già qualcuno lo avete nella vostra libreria o biblioteca:


"20.000 leghe sotto i mari" di Jules Verne
"La macchina del tempo" di HG Wells
"Frankenstein" di Mary Shelley

"Infernal Devices" di KW Jeter
"The Anubis Gates" di Tim Powers

"Steampunk" a cura di Jeff VanderMeer
"The Difference Engine" di Bruce Sterling e William Gibson

Buona lettura!


















Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...