lunedì 27 febbraio 2012

Eclectic Colour: Purple

Come ogni anno intorno al mese di febbraio le annuali previsioni legate a sfilate, eventi, programmazioni, ect. designano il colore vincente di tendenza.

Anche nell'arredamento il viola è ovunque: addobbi,pareti, arredi, accessori, moda, riviste, tv, blog, e via dicendo.

Come sempre nulla di nuovo, ma il viola come colore dominante sta crescendo sensibilmente nella decorazione degli interni, nell'arredamento, e questo sembra un fenomeno non circoscritto solo agli spazi domestici, ma anche agli spazi pubblici.






Uno dei colori più eclettici nell'arredamento è il colore VIOLA e tutte le sue sfumature.
Prima del 1856 i colori venivano fabbricati utilizzando prodotti animali, vegetali o minerali e colorare qualunque cosa era un processo lungo e costoso. Finché nell'Inghilterra della regina Vittoria un giovanissimo chimico scoprì un metodo per produrre elevate quantità di colori in un impianto industriale. Come spesso accade ai grandi inventori, il diciottenne William Perkin venne aiutato dal caso. Stava cercando un rimedio per la malaria nel piccolo laboratorio installato nella sua casa di Londra. Non riuscì a sintetizzare il chinino artificiale, ma una sostanza oleosa in grado di donare alla seta una straordinaria tonalità. Inutile aggiungere che il viola malva divenne immediatamente il colore alla moda, utilizzato dai grandi sarti di Londra e Parigi.



italy.jpg (600×420)

stupendo stupendo stupendo: lino color tortora e viola
stupendo stupendo stupendo: legno naturale e viola
stupendo stupendo stupendo: legni naturali e viola










domenica 26 febbraio 2012

Collezioni: Cappelli & Cappelliere



Un tempo, quando si partiva, nel bagaglio figurava una grande scatola a cilindro: era la cappelliera,  impensabile al giorno d'oggi, attrezzati come siamo di trolley. Cappelli e cappellini di ogni foggia accompagnavano le signore durante i loro viaggi; i cappelli erano sempre presenti nel bagaglio. Occorreva proteggerli, delicati e preziosi come erano. Ed ecco le loro custodie. Colpiva l'aspetto di questi grandi contenitori spesso in bilico sulle valigie e sui carrelli dei facchini nelle stazioni o negli hotel. Di vari colori, più o meno grandi, chiusi da bellissimi fiocchi, erano elemento decorativo dei vagoni, degli armadi, dei negozi delle modiste.
A questo punto decorate qualche stanza della vostra casa con le vostre collezioni di accessori, approfittando di cappelli e cappelliere e scatole varie. Mettete in mostra tutto senza sminuire un pezzo piuttosto che un altro. Concentrate la vostra decorazione intorno alla vostra collezione di cappelli e cappelliere per creare un tema insolito, ma femminile, alla moda e un po’ eccentrico. Pensate a mobili che possano far risaltare le vostre collezioni.



Pareti in Legno








All'estero, Nord Europa, Nord America, Australia, ect. le costruzioni in legno rappresentano una consistente parte dell'edilizia residenziale, ed anche le case singole costruite con mattoni facciavista, hanno comunque una struttura in legno e pareti in legno, con solamente il guscio esterno in mattoni.


Le foto mostrano, tra l'altro, come anche l'arredamento più classico ed elegante non venga penalizzato dalla scelta di rivestire le pareti in legno.

Quali sono i vantaggi delle case in legno, visto che in Italia molti ancora hanno dubbi su diversi aspetti di questo tipo di costruzione?

  •  Una casa in legno normalmente offre un ambiente più salubre per gli occupanti, con una forte riduzione di muffe e batteri all'interno dell'abitazione, con vantaggi importanti soprattutto per chi soffre di allergie. 
  • Le proprietà igroscopiche del legno fanno sì che possa di fatto regolare la quantità di umidità presente nell'aria all'interno della casa.
  • Il legno è un materiale naturale che accumula calore ed umidità dall'aria circostante, regolando il clima all'interno della casa e riducendo il surriscaldamento estivo. Questo avviene per via della bassa conducibilità termica del legno, e della semplicità nel costruire strutture con pochi ponti termici.
  • Si tratta di un materiale da costruzione che non incide sul bilancio ecologico. Tutto il processo di produzione e lavorazione del legno produde pochissime emissioni di CO2, meno ancora di altri inquinanti. L'energia necessaria per produrre il legno necessario a costruire una casa arriva ad essere una piccola frazione di quella necessaria per una casa in laterizi. I residui della lavorazione inoltre possono essere facilmente riciclati o riutilizzati, al limite anche solo come combustibile per un camino o una caldaia. 
  • Una casa in legno può essere prefabbricata, ovvero costruita in buona parte direttamente in fabbrica e poi assemblata in cantiere. Questo sistema consente di ottimizzare i costi, e di ridurre i tempi di costruzione (altro fattore che incide sui costi), eliminando anche la variabile meteorologica che incide profondamente nel caso di una costruzione interamente in cantiere. 
  • Tempi di costruzione ridotti significano meno interessi da pagare per l'eventuale mutuo, ed eventualmente meno mensilità da pagare nel caso si viva in una casa in affitto.
  • Durata e manutenzione: in paesi come l'Australia ci sono interi villaggi di fine ottocento con case interamente costruite in legno, e non certo con le tecniche ed i materiali moderni, che sono tutt'ora in perfetto stato di manutenzione e regolarmente abitabili. 
  • Il legno del resto è una delle materie prime più resistente agli agenti atmosferici, anche in condizioni climatiche estreme come testimoniano le costruzioni in legno presenti in zone geografiche con clima completamente diverso, come il freddo Canada e la calda Australia.



sabato 25 febbraio 2012

Living Small: Small Spaces 419 SqFt - Ft² - Miniappartamento di 39 m² basic

Come arredare un miniappartamento di 39 mq?



Giocando su una sorprendente profondità di prospettiva, l'ingresso si apre su un ingresso vestibolo rivestito con una boiserie in pino delle Fiandre, e si estende come un corridoio (in realtà finto) che serve per liberare la cucina. Il soffitto è coperto con tavole di pino disposte nella direzione della larghezza per espandere il spazio virtuale, i faretti alogeni sono integrati. Robert Gervais.


Una stanza da letto con tonalità rilassanti si rivela in una serena armonia di marroni, verdi e grigi. E' illuminata da un occhio di bue che distilla una luce poetica. Di fronte al letto, un armadio di grandi dimensioni cela la zona lavanderia e gli impianti hi-fi e video.



La sala da pranzo è stata completamente ricoperta con una boiserie in legno dipinto verde. Questo layout è messo in evidenza da tre lampade che servono anche a riflettere la luce in modo elegante. Con un gioco di ombre il legno rivela tutto il suo splendore e dà un senso di profondità a tutto l'ambiente.



Il salone si estende alla cucina. Anche qui la boiserie elegante riflette la luce e dà profondità. Una bella porta si apre sulla zona notte. Sullo sfondo c'è il bagno. Sedia in legno curvato di Charles Eames.



La dolcezza dei materiali naturali è spezzata da elementi in acciaio inox. Le pareti sono rivestite in gesso. In due parti, una armonia è studiata con le lampade dal look industrial vintage che creano l'unità degli elementi.


Funzionale e accogliente, il tavoloè stato installato davanti alle finestre per godersi la massima luce. L'angolo cottura è organizzato con due livelli asimmetrici su un piano rivestito in cotto marocchino. Sotto sono stati riposti tutti gli elementi di acciaio inox satinato (Siemens) e basi chiuse realizzate con legno e metallo perforato.


Il bagno ovviamente piccolo è progettato con un unico punto d'acqua, la doccia è dietro la toilette. Il lavello è una ciotola di porcellana appoggiata su un elemento in muratura rivestito in grès rosso. Sul muro uno specchio cela una porta che nasconde l'impianto di ventilazione.


Se volete vedere tutti gli altri miniappartamenti (in successione) cliccate qui
If you want to see all the other small spaces (in succession) click here




giovedì 23 febbraio 2012

Fattoria Neo Rural Chic: la Dolce Vita di Campagna







Ecco una fattoria stupenda che rimanda, nella sua semplicità ed eleganza, ad una vita ricca di bisogni speciali perché essenziali, che solo nelle risorse e nei percorsi della vita di campagna consente di guadagnare in benessere.

Tutta la struttura della casa, le pareti in pietra, i soffitti in legno, i pavimenti, il camino quasi monumentale, i colori degli arredi e dei rivestimenti danno una sensazione piacevole perché autentica. Sia il soggiorno che le stanze da letto, sia la cucina che l'ingresso sono ambienti accoglienti e invitanti, arredati in modo da consolidare il contesto territoriale nel quale è immersa la fattoria.

Un elemento di assoluto privilegio che rende unico l'habitat del vivere in campagna.

Foto tratte da: Campagne et Décoration rivista francese

mercoledì 22 febbraio 2012

Andalusia: fuori dal tempo

Lo charme di una vecchia casa colonica andalusa... rievoca atmosfere tipiche delle case toscane o provenzali, freschezza tipica dei cottages inglesi!

Vecchi lini, soffitti intercalati da assi di legno, un lungo tavolo fratino per riunire tutta la famiglia, confortevoli sedute, aria settecentesca per le stanze da letto, e tanto altro per questi arredi luminosi e senza tempo...









La proprietà si trova sulla Costa del Sol, ed è una vecchia casa colonica andalusa che l' architetto Edward DORISS  ha riabilitato in maniera esemplare rispettando elementi di architettura tradizionale, soffitti alti e abbattendo muri per espandere lo spazio. Dentro l'uso di toni chiari massimizza luminosità e dimensioni degli interni che sono state decorati da Vanda Ebraico con una miscela di pezzi di diversa origine e provenienza.

Ispirato da: desdemventana.blog




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...